m

Seguici

Seguici

Vai SU
Image Alt

Area sisma, Visit Industry Marche approda per promuovere con la tecnologia VR questi territori

Una serie di video VR immersivi promuoveranno territorio e imprese nell’area del terremoto.

Area sisma, Visit Industry Marche approda per promuovere con la tecnologia VR questi territori

Promuovere il territorio e le imprese dell’area colpita dal sisma del 2016 con la tecnologia dei video VR che permette di vivere a 360° i luoghi attraverso lo smartphone, tablet e computer.
Questo è il nuovo obiettivo di Visit Industry Marche che dopo l’avvio della piattaforma che unisce territorio alle imprese d’eccellenza delle Marche vuole sviluppare innovative forme di promozione attraverso le tecnologie digitali.

Opportunità per riscoprire il territorio già con molte zone rosse dal 2016 e poi desertificate dalle misure di prevenzione del Covid-19. Ma anche opportunità per le imprese che potranno mostrare in anteprima i percorsi e le curiosità che i pacchetti di Visit Industry Marche offrono alla scoperta del Made in Marche.

La tecnologia dei video VR permette di visitare un luogo in modo immersivo semplicemente muovendo il proprio smartphone nello spazio intorno a se per conoscerlo come se si fosse esattamente in quel luogo.

Nulla di virtuale ma solo una ripresa video in alta risoluzione che cattura lo spazio e permette di vederlo in anteprima o entrare in luoghi che spesso le norme di sicurezza e igieniche non consentono di mostrare dal vivo.

Questa tecnologia molto utilizzata nell’ultimo periodo -causa pandemia- consente di raggiungere luoghi splendidi e incontaminati come l’area dell’Appennino, tutti i monti Sibillini e le tante bellezze delle Marche anche da luoghi remoti nel mondo offrendo a tutti la possibilità di conoscerli in anteprima ed essere attratti per poi organizzare il proprio viaggio e completare l’esperienza con odori, sapori e sensazioni reali.

Il progetto Visit Industry Marche VR è stato avviato grazie dal co-finanziamento di Regione Marche attraverso il bando POR-FESR dedicato alle industrie culturali creative e del turismo dedicato all’area del cratere sismico.